Lecce
Provincia, nasce Consulta per l’Ambiente. De Marco sostituisce Stefanelli
mercoledì 5 febbraio 2020

Nei lavori anche l’ingresso del nuovo consigliere provinciale Attilio De Marco al posto dell’ex sindaco di Scorrano.

Si è svolto questa mattina, a Palazzo dei Celestini, il Consiglio provinciale che ha approvato una serie di importanti provvedimenti. In apertura dei lavori, l’assise, preso atto della decadenza del consigliere Guido Nicola Stefanelli per effetto dello scioglimento del consiglio comunale di Scorrano e, quindi, della cessazione dalla carica comunale, ha deliberato la surroga con Attilio Giovanni De Marco, consigliere comunale di Casarano.

De Marco ha assunto la carica di consigliere provinciale in quanto primo dei candidati non eletti nella lista n. 2 “Civica Salento”, nella consultazione elettorale del 7 aprile 2019 per l’elezione di secondo grado del Consiglio provinciale.

Quindi, il Consiglio provinciale, all’unanimità, ha dato il via libera al Piano triennale della prevenzione della corruzione e della trasparenza 2020 – 2022, a cura del segretario generale della Provincia di Lecce Angelo Caretto, responsabile della prevenzione della corruzione e della trasparenza dell’Ente da marzo 2019, che nella redazione della sezione dedicata alla trasparenza si è avvalso della collaborazione del dirigente dei Servizi informatici Donatella Longo. 

Il Piano (Ptpct), che è stato anche oggetto di consultazione pubblica attraverso un avviso pubblicato sul sito della Provincia, rappresenta lo strumento essenziale per assicurare, attraverso il controllo sociale dell’azione amministrativa, i valori dell’imparzialità e del buon andamento della pubblica amministrazione e costituisce il presupposto per l’adozione di misure organizzative preordinate ad evitare fenomeni di corruzione.

Più in particolare lo strumento prevede quattro obiettivi strategici: ridurre le opportunità che si manifestino casi di corruzione; aumentare la capacita dell'amministrazione di prevenire casi di corruzione; creare un contesto sfavorevole alla corruzione attraverso l’applicazione dei principi di etica, integrità e trasparenza; promuovere maggiori livelli di trasparenza, obiettivo declinato in specifici obiettivi sostanziali nell'apposita Sezione del presente Piano.

Con l’approvazione del regolamento che ne disciplina la composizione, il funzionamento e le attività, il Consiglio provinciale ha, quindi, deliberato la costituzione della Consulta ambientale della Provincia di Lecce.

Il presidente Minerva ha ringraziato Fabio Tarantino, consigliere con delega all’Ambiente, per il lavoro svolto. Tarantino ha evidenziato: “Dal 31 ottobre 2019 c’è stato un complesso lavoro, che ha coinvolto anche il professor Bonatesta dell’Università del Salento e le associazioni, per arrivare a questo risultato. Il regolamento è stato anche discusso dalle commissioni consiliari congiunte ed emendato dai consiglieri di minoranza. La Consulta oltre ad essere un luogo di ascolto e confronto avrà anche il compito di promuovere azioni di sensibilizzazione ambientale sul territorio e di intervento vero e proprio, come la pulizia delle spiagge e delle strade. Il regolamento è una buona base di partenza per quella che sarà la dialettica della politica provinciale. Non è un dogma e potrà essere rivisto e migliorato sempre. Con la Consulta vogliamo istituzionalizzare un metodo di concertazione diverso”.